... Noi viviamo in un'epoca che mette in scena la storia, che ne fa uno spettacolo e, in questo senso, derealizza la realtà ... Questa distanziazione, questa spettacolarizzazione non è mai così sensibile come nelle pubblicità turistiche che ci propongono dei tours, una serie di visioni "istantanee" che avranno la massima realtà solo quando le "rivedremo" attraverso le diapositive di cui imporremo al ritorno la visione e l'esegesi a un pubblico rassegnato di parenti e amici ...
da Marc Augé, "Disneyland e altri nonluoghi"
[Bollati Boringhieri 1999]